BARCELLONA-JUVENTUS 2-2: I COMMENTI DAL COTTON BOWL

Il grande caldo di Dallas non impedisce a Barcellona e Juventus di dare vita a un match spettacolare, con belle giocate e ritmi tutto sommato più che gradevoli. Due a due il finale, con i bianconeri che lasciano Dallas per tornare a Los Angeles con più di un motivo per sorridere.

MASSIMILIANO ALLEGRI

«Abbiamo fatto un buon allenamento, sono contento del lavoro che stiamo facendo e di come procede la preparazione; potevamo fare più attenzione sui gol, ma va bene così. Kean ha fatto molto bene, così come Zakaria, che è in crescendo, e Rovella, che ha giocato 90 minuti e per lui non era facile».

MOISE KEAN

«Non è stato facile stasera, faceva molto caldo e abbiamo un po’ pagato il lavoro intenso di questi giorni. Io sto bene, cerco di dare il massimo dovunque mi chieda di giocare il Mister, da esterno o da punta. Di Maria? Ha un altro passo, potrà darci molto quest’anno».

DENIS ZAKARIA

«Un buon match, un bel risultato, utile per proseguire questa fase della stagione. Si può migliorare, ma la preparazione prosegue bene. Sono contento della mia partita, mi sto allenando per questo, e così si trova anche il giusto feeling con i compagni, con tutta la squadra e con il reparto».

TOMMASO BARBIERI

«Una bella partita, giocavamo contro un’ottima squadra e siamo contenti. Essere qua è vivere un sogno, penso all’azione di Las Vegas per il gol di Compagnon, penso a essere in campo stasera con il Barça… a casa sono tutti felicissimi, mi sono arrivati tanti messaggi, è bellissimo. In cosa sono migliorato? Sul mantenimento della concentrazione, per tutti i 90 minuti».

NICOLO’ CUDRIG

«Una gara di livello tecnico molto alto, contro una squadra forte che viaggiava a gran ritmo. Siamo stati bravi a reagire ai gol subiti e a non prendere il terzo gol. Questa è l’estate più bella della mia vita, essere qui è un’emozione unica, bisogna dare tutto in campo per questa maglia: quando sono entrato e ho visto i giocatori in campo ho pensato che ci giocavo alla Playstation… è qualcosa di difficile da spiegare. L’annata in Under 23 è stata di enorme crescita per me».

(Foto LaPresse)

www.juventus.com

Il grande caldo di Dallas non impedisce a Barcellona e Juventus di dare vita a un match spettacolare, con belle giocate e ritmi tutto sommato più che gradevoli. Due a due il finale, con i bianconeri che lasciano Dallas per tornare a Los Angeles con più di un motivo per sorridere.

MASSIMILIANO ALLEGRI

«Abbiamo fatto un buon allenamento, sono contento del lavoro che stiamo facendo e di come procede la preparazione; potevamo fare più attenzione sui gol, ma va bene così. Kean ha fatto molto bene, così come Zakaria, che è in crescendo, e Rovella, che ha giocato 90 minuti e per lui non era facile».

MOISE KEAN

«Non è stato facile stasera, faceva molto caldo e abbiamo un po’ pagato il lavoro intenso di questi giorni. Io sto bene, cerco di dare il massimo dovunque mi chieda di giocare il Mister, da esterno o da punta. Di Maria? Ha un altro passo, potrà darci molto quest’anno».

DENIS ZAKARIA

«Un buon match, un bel risultato, utile per proseguire questa fase della stagione. Si può migliorare, ma la preparazione prosegue bene. Sono contento della mia partita, mi sto allenando per questo, e così si trova anche il giusto feeling con i compagni, con tutta la squadra e con il reparto».

TOMMASO BARBIERI

«Una bella partita, giocavamo contro un’ottima squadra e siamo contenti. Essere qua è vivere un sogno, penso all’azione di Las Vegas per il gol di Compagnon, penso a essere in campo stasera con il Barça… a casa sono tutti felicissimi, mi sono arrivati tanti messaggi, è bellissimo. In cosa sono migliorato? Sul mantenimento della concentrazione, per tutti i 90 minuti».

NICOLO’ CUDRIG

«Una gara di livello tecnico molto alto, contro una squadra forte che viaggiava a gran ritmo. Siamo stati bravi a reagire ai gol subiti e a non prendere il terzo gol. Questa è l’estate più bella della mia vita, essere qui è un’emozione unica, bisogna dare tutto in campo per questa maglia: quando sono entrato e ho visto i giocatori in campo ho pensato che ci giocavo alla Playstation… è qualcosa di difficile da spiegare. L’annata in Under 23 è stata di enorme crescita per me».

(Foto LaPresse)

www.juventus.com

Leave a Reply

Your email address will not be published.