INTER PRIMAVERA: LE PAROLE DI MISTER CHIVU DOPO LA VITTORIA IN FINALE

L’allenatore dell’Inter Primavera Cristian Chivu ha commentato così la vittoria del Campionato Primavera 1 TIMVISION:

“Sono felice per i ragazzi, sono loro i veri protagonisti, non io. Questo gruppo l’ho preso tre anni fa con l’Under 17. Abbiamo avuto momenti meno belli a causa della pandemia e il campionato interrotto. Nella fatica che i ragazzi hanno fatto in questi due anni abbiamo cercato di fare sempre qualcosa in più per recuperare il tempo perso. Sono contento per loro perchè hanno inseguito un sogno. Dopo la sconfitta a Firenze non abbiamo più perso, sono strafelice per loro. Io sono stato riservato, i ragazzi devono essere orgogliosi. Casadei in questa stagione qualche miglioramento l’ha fatto, può farne ancora, secondo me lo vedremo su campi importanti in futuro. Ho la fortuna dopo tre anni di lavoro con loro di riconoscere pregi e difetti di questi ragazzi, so cosa possono fare, cosa subiscono e dove subiscono. A fine primo tempo prendevamo anche noi le misure del campo e avevamo più pazienza nel costruire. All’intervallo ho detto solo di essere convinti che le partite durano fino al 90′ o al 120′ come in questo caso, volevo più personalità e più scioltezza. Il patto che abbiamo fatto dopo Firenze era di giocare 15 finali, il primo obiettivo era avere la possibilità di fare il Playoff partendo dalla Semifinale, allora eravamo fuori dalla zona Playoff. Voglio ringraziare anche Simone Inzaghi per la cura che hanno avuto quando i ragazzi sono saliti in prima squadra”.

(Foto LaPresse)

L’allenatore dell’Inter Primavera Cristian Chivu ha commentato così la vittoria del Campionato Primavera 1 TIMVISION:

“Sono felice per i ragazzi, sono loro i veri protagonisti, non io. Questo gruppo l’ho preso tre anni fa con l’Under 17. Abbiamo avuto momenti meno belli a causa della pandemia e il campionato interrotto. Nella fatica che i ragazzi hanno fatto in questi due anni abbiamo cercato di fare sempre qualcosa in più per recuperare il tempo perso. Sono contento per loro perchè hanno inseguito un sogno. Dopo la sconfitta a Firenze non abbiamo più perso, sono strafelice per loro. Io sono stato riservato, i ragazzi devono essere orgogliosi. Casadei in questa stagione qualche miglioramento l’ha fatto, può farne ancora, secondo me lo vedremo su campi importanti in futuro. Ho la fortuna dopo tre anni di lavoro con loro di riconoscere pregi e difetti di questi ragazzi, so cosa possono fare, cosa subiscono e dove subiscono. A fine primo tempo prendevamo anche noi le misure del campo e avevamo più pazienza nel costruire. All’intervallo ho detto solo di essere convinti che le partite durano fino al 90′ o al 120′ come in questo caso, volevo più personalità e più scioltezza. Il patto che abbiamo fatto dopo Firenze era di giocare 15 finali, il primo obiettivo era avere la possibilità di fare il Playoff partendo dalla Semifinale, allora eravamo fuori dalla zona Playoff. Voglio ringraziare anche Simone Inzaghi per la cura che hanno avuto quando i ragazzi sono saliti in prima squadra”.

(Foto LaPresse)

Leave a Reply

Your email address will not be published.