GASPERINI: “ABBIAMO SPRECATO UN PO’ TROPPO”

“Non abbiamo fatto quello che speravamo. Solitamente riusciamo a esprimerci meglio in queste partite e invece siamo partiti malissimo e in queste gare, quando vai sotto, è ancora più difficile. Abbiamo perso serenità e lucidità, soprattutto nel proporre gioco. Migliorando avevamo la sensazione di poter fare bene, ma è stato troppo tardi”. Gian Piero Gasperini non nasconde tutta la sua amarezza per la sconfitta col Villarreal che mette fine al cammino dell’Atalanta in Champions.

“Il palo di Muriel nel finale? Ci avrebbe dato qualche possibilità ma è anche vero che nei 90 minuti non siamo riusciti a fare la partita che avevamo nelle corde: il rammarico è questo, essere finiti fuori in una partita alla nostra portata – ammette il tecnico ai microfoni di Prime Video – Non siamo riusciti a esprimerci al meglio questa sera, siamo mancati un pochino. Quando siamo riusciti a migliorare il gioco abbiamo creato delle occasioni. Resta il rammarico di aver perso un’occasione per superare il turno”.

“Purtroppo per lungo tempo non abbiamo centrato la partita, l’abbiamo compromessa, al di là del primo gol subito che in questo tipo di partite ti complica la vita – ha detto ancora Gasperini in conferenza stampa – Abbiamo avuto dieci minuti buoni, ma abbiamo sbagliato sul piano tecnico e sul gioco. Avevamo frenesia e poca lucidità. Abbiamo compromesso la qualificazione. Sul primo gol abbiamo sbagliato, negli altri due eravamo schierati. Ci è mancata la lucidità nel primo tempo per essere più pericolosi”.

Il tecnico ha poi ribadito il concetto ai microfoni di Sky Sport: “Siamo andati fuori in un turno che potevamo superare, può succedere in questo tipo di partita. Nel finale sicuramente abbiamo fatto bene”. Gasperini ha parlato anche dei gol subiti e della nuova esperienza in Europa League: “In Europa i gol si fanno e si prendono, abbiamo rimontato anche tante volte, abbiamo fatto sicuramente una buona Champions in un girone non semplice, non è mai facile vincere a tutti i costi. Il sorteggio sarebbe stato proibitivo in Champions, ma sarà un’ottima esperienza tornare in Europa League”.

(Foto LaPresse)

“Non abbiamo fatto quello che speravamo. Solitamente riusciamo a esprimerci meglio in queste partite e invece siamo partiti malissimo e in queste gare, quando vai sotto, è ancora più difficile. Abbiamo perso serenità e lucidità, soprattutto nel proporre gioco. Migliorando avevamo la sensazione di poter fare bene, ma è stato troppo tardi”. Gian Piero Gasperini non nasconde tutta la sua amarezza per la sconfitta col Villarreal che mette fine al cammino dell’Atalanta in Champions.

“Il palo di Muriel nel finale? Ci avrebbe dato qualche possibilità ma è anche vero che nei 90 minuti non siamo riusciti a fare la partita che avevamo nelle corde: il rammarico è questo, essere finiti fuori in una partita alla nostra portata – ammette il tecnico ai microfoni di Prime Video – Non siamo riusciti a esprimerci al meglio questa sera, siamo mancati un pochino. Quando siamo riusciti a migliorare il gioco abbiamo creato delle occasioni. Resta il rammarico di aver perso un’occasione per superare il turno”.

“Purtroppo per lungo tempo non abbiamo centrato la partita, l’abbiamo compromessa, al di là del primo gol subito che in questo tipo di partite ti complica la vita – ha detto ancora Gasperini in conferenza stampa – Abbiamo avuto dieci minuti buoni, ma abbiamo sbagliato sul piano tecnico e sul gioco. Avevamo frenesia e poca lucidità. Abbiamo compromesso la qualificazione. Sul primo gol abbiamo sbagliato, negli altri due eravamo schierati. Ci è mancata la lucidità nel primo tempo per essere più pericolosi”.

Il tecnico ha poi ribadito il concetto ai microfoni di Sky Sport: “Siamo andati fuori in un turno che potevamo superare, può succedere in questo tipo di partita. Nel finale sicuramente abbiamo fatto bene”. Gasperini ha parlato anche dei gol subiti e della nuova esperienza in Europa League: “In Europa i gol si fanno e si prendono, abbiamo rimontato anche tante volte, abbiamo fatto sicuramente una buona Champions in un girone non semplice, non è mai facile vincere a tutti i costi. Il sorteggio sarebbe stato proibitivo in Champions, ma sarà un’ottima esperienza tornare in Europa League”.

(Foto LaPresse)

Leave a Reply

Your email address will not be published.