IL MILAN ALLUNGA IN TESTA

Terzo successo consecutivo per 1 – 0 per il Milan. I rossoneri salgono a 66 punti in classifica, a + 3 dal Napoli e + 6 dall’Inter, con i nerazzurri che devono ancora recuperare una partita. La formazione di Pioli ha collezionato 11 vittorie in trasferta, solo il Manchester City, nei cinque top campionati europei, ha ottenuto così tanti punti lontano dalle mura amiche. 

All’Unipol Domus il Milan parte forte e nel primo quarto d’ora si costruisce tre palle gol, con Giroud e Diaz che non trovano la porta e Kessie che coglie il palo esterno. Nella ripresa, al 59′, il gol decisivo: azione manovrata del Milan, sponda di Giroud e conclusione al volo di Bennacer che dal limite mette la palla a fil di palo. Nei restanti minuti il Cagliari si riversa all’attacco alla ricerca del pareggio e per gli ospiti si aprono gli spazi per raddoppiare. Leao e poi Rebic, suo sostituto, non riescono a chiudere il match, Calabria a tu per tu con Cragno si fa ipnotizzare e nel recupero Pavoletti si avvicina al pareggio con un colpo di testa in tuffo che manda la palla sulla traversa. 

Clicca QUI per le statistiche della partita. 

(Foto LaPresse)

Terzo successo consecutivo per 1 – 0 per il Milan. I rossoneri salgono a 66 punti in classifica, a + 3 dal Napoli e + 6 dall’Inter, con i nerazzurri che devono ancora recuperare una partita. La formazione di Pioli ha collezionato 11 vittorie in trasferta, solo il Manchester City, nei cinque top campionati europei, ha ottenuto così tanti punti lontano dalle mura amiche. 

All’Unipol Domus il Milan parte forte e nel primo quarto d’ora si costruisce tre palle gol, con Giroud e Diaz che non trovano la porta e Kessie che coglie il palo esterno. Nella ripresa, al 59′, il gol decisivo: azione manovrata del Milan, sponda di Giroud e conclusione al volo di Bennacer che dal limite mette la palla a fil di palo. Nei restanti minuti il Cagliari si riversa all’attacco alla ricerca del pareggio e per gli ospiti si aprono gli spazi per raddoppiare. Leao e poi Rebic, suo sostituto, non riescono a chiudere il match, Calabria a tu per tu con Cragno si fa ipnotizzare e nel recupero Pavoletti si avvicina al pareggio con un colpo di testa in tuffo che manda la palla sulla traversa. 

Clicca QUI per le statistiche della partita. 

(Foto LaPresse)

Leave a Reply

Your email address will not be published.