JUVENTUS: LE DICHIARAZIONI DOPO IL SUCCESSO CON LA SALERNITANA

MASSIMILIANO ALLEGRI
«Abbiamo aggredito bene la partita, c’era il rischio che l’eliminazione ci rimanesse addosso, perché nessuno si aspettava che mercoledì uscissimo. I ragazzi hanno reagito e sono stati bravi; nella ripresa avremmo potuto fare il terzo gol, ma eravamo stanchi, l’importante era vincere, allungare su chi insegue, e restare a meno 4 dal secondo posto. L’Inter ha potenzialmente 4 punti più di noi, dobbiamo per ora solo guardare a questo, ma intanto è un bel traguardo, anche perché dopo la sosta recupereremo giocatori. Abbiamo lavorato all’inizio con fatica, Cristiano era andato via, io ero qui da poco, non conoscevo tanti giocatori; anch’io ho dovuto cambiare il mio metodo, adesso abbiamo alzato intensità, e devo dire che i ragazzi sono meravigliosi. Vlahovic? Ha giocato bene, è un riferimento davanti, sono contento che sia tornato al gol, è stato ben sostenuto dalla squadra. Danilo è una piacevole sorpresa, un grande professionista e giocatore, ascolta e sa come si gioca a calcio, è molto bravo nelle letture. Ha piedi buoni, gioca nel corto e nel lungo e si mette a disposizione. Dybala? Abbiamo un buon rapporto, al di là degli scambi d’opinione, è arrivato qui giovane e ora è un grande campione»

DANILO
«Oggi non abbiamo fatto ancora la nostra migliore partita, ma comunque abbiamo vinto, che è la cosa più importante; abbiamo pagato un po’ la stanchezza mentale e fisica per la sconfitta di mercoledì, anche perché ci sono tanti infortuni; adesso recuperiamo in vista del finale di stagione. Il mio ruolo? La Juve è il mio ruolo, sono a disposizione del Mister e della squadra. Sono molto contento per la vittoria di oggi e per il percorso che stiamo facendo. Il nostro obiettivo adesso è guardare a Juve-Inter, al finale di stagione, al quarto posto: sempre in avanti»

FABIO MIRETTI
«Esordire in Campionato qui, nel nostro stadio, per me che sono juventino da sempre è un’emozione indescrivibile. Poi l’esordio arriva al termine di una settimana importante, in cui con l’Under 19 abbiamo scritto una piccola pagina di storia del club, arrivando alla Final Four di Youth League. Qui mi trovo sempre benissimo, il Mister e tutti i compagni mi mettono nelle condizioni di lavorare ed esprimermi nel migliore dei modi. Quel che mi colpisce di più della squadra è l’attenzione con cui i miei compagni curano i dettagli per dare sempre il massimo»

MATTIA DE SCIGLIO
«Mi hanno comunicato la convocazione in Nazionale mentre ero in spogliatoio, che grande soddisfazione. Sono felicissimo ovviamente anche per la vittoria di oggi. In questa stagione ho ritrovato il Mister che mi ha sempre dimostrato fiducia, inoltre avevo nel bagaglio l’esperienza al Lione, che mi è servita, come giocatore e come persona, nell’acquisire maggiore consapevolezza».

(Foto LaPresse)

www.juventus.com

MASSIMILIANO ALLEGRI
«Abbiamo aggredito bene la partita, c’era il rischio che l’eliminazione ci rimanesse addosso, perché nessuno si aspettava che mercoledì uscissimo. I ragazzi hanno reagito e sono stati bravi; nella ripresa avremmo potuto fare il terzo gol, ma eravamo stanchi, l’importante era vincere, allungare su chi insegue, e restare a meno 4 dal secondo posto. L’Inter ha potenzialmente 4 punti più di noi, dobbiamo per ora solo guardare a questo, ma intanto è un bel traguardo, anche perché dopo la sosta recupereremo giocatori. Abbiamo lavorato all’inizio con fatica, Cristiano era andato via, io ero qui da poco, non conoscevo tanti giocatori; anch’io ho dovuto cambiare il mio metodo, adesso abbiamo alzato intensità, e devo dire che i ragazzi sono meravigliosi. Vlahovic? Ha giocato bene, è un riferimento davanti, sono contento che sia tornato al gol, è stato ben sostenuto dalla squadra. Danilo è una piacevole sorpresa, un grande professionista e giocatore, ascolta e sa come si gioca a calcio, è molto bravo nelle letture. Ha piedi buoni, gioca nel corto e nel lungo e si mette a disposizione. Dybala? Abbiamo un buon rapporto, al di là degli scambi d’opinione, è arrivato qui giovane e ora è un grande campione»

DANILO
«Oggi non abbiamo fatto ancora la nostra migliore partita, ma comunque abbiamo vinto, che è la cosa più importante; abbiamo pagato un po’ la stanchezza mentale e fisica per la sconfitta di mercoledì, anche perché ci sono tanti infortuni; adesso recuperiamo in vista del finale di stagione. Il mio ruolo? La Juve è il mio ruolo, sono a disposizione del Mister e della squadra. Sono molto contento per la vittoria di oggi e per il percorso che stiamo facendo. Il nostro obiettivo adesso è guardare a Juve-Inter, al finale di stagione, al quarto posto: sempre in avanti»

FABIO MIRETTI
«Esordire in Campionato qui, nel nostro stadio, per me che sono juventino da sempre è un’emozione indescrivibile. Poi l’esordio arriva al termine di una settimana importante, in cui con l’Under 19 abbiamo scritto una piccola pagina di storia del club, arrivando alla Final Four di Youth League. Qui mi trovo sempre benissimo, il Mister e tutti i compagni mi mettono nelle condizioni di lavorare ed esprimermi nel migliore dei modi. Quel che mi colpisce di più della squadra è l’attenzione con cui i miei compagni curano i dettagli per dare sempre il massimo»

MATTIA DE SCIGLIO
«Mi hanno comunicato la convocazione in Nazionale mentre ero in spogliatoio, che grande soddisfazione. Sono felicissimo ovviamente anche per la vittoria di oggi. In questa stagione ho ritrovato il Mister che mi ha sempre dimostrato fiducia, inoltre avevo nel bagaglio l’esperienza al Lione, che mi è servita, come giocatore e come persona, nell’acquisire maggiore consapevolezza».

(Foto LaPresse)

www.juventus.com

Leave a Reply

Your email address will not be published.