LA JUNIOR TIM CUP IN CORO: “KEEP RACISM OUT!”

La capitale ha ospitato un incontro di sensibilizzazione contro il razzismo e ogni forma di discriminazione, alla vigilia dell’ultimo atto della nona edizione del grande torneo oratoriale promosso da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano. Oggi le 8 squadre finaliste a Roma hanno incontrato al Coni rappresentanti e vertici della Lega Serie A e dello sport italiano per uno speciale “allenamento” sui temi dell’inclusione, dell’integrazione e della multiculturalità, nello sport e nella vita.

Roma, 10 maggio 2022 – Domani a Roma si disputa la finale della nona edizione della “Junior TIM Cup – Keep Racism Out”, il torneo giovanile di calcio a 7, promosso da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano, che continua ad alimentare i sogni dei ragazzi e a portare i valori del calcio oratoriale sotto i riflettori del grande calcio.

Prima di scendere in campo, le 8 squadre di oratorio hanno vissuto oggi pomeriggio una particolare seduta di rifinitura. Al Salone d’Onore del Coni si è infatti tenuto uno specialissimo allenamento sui valori posti alla base di questa edizione 2022 del torneo. Un impegno incessante a sostegno della campagna “Keep Racism Out”, messa in atto per garantire la parità di trattamento, la tutela dei diritti umani nel calcio e per tenere il razzismo fuori dagli stadi, sensibilizzando gli appassionati di calcio, sia nel mondo reale sia in quello virtuale, a combattere ogni forma di differenza o disuguaglianza. 

Dopo aver convolto i grandi campioni del massimo campionato di calcio protagonisti dello spot “Keep Racism Out”, oggi i Club della Lega Serie A erano presenti al Foro Italico, insieme ai vertici dello sport italiano e alle massime autorità del collaudato tridente Lega Serie A, TIM e CSI, per sensibilizzare i ragazzi delle 8 squadre finaliste.

È stato Luigi De Siervo, Amministratore Delegato della Lega Serie A, a spendere – a nome di tutti – parole profonde a favore di comportamenti sportivi, dentro e fuori dal campo di gioco: “Domani si disputa la partita dei record, la Coppa Italia che ha raccolto più successo negli ultimi anni. Voi qui rappresentate tutti i ragazzi che hanno sofferto chiusi in casa nei due anni appena trascorsi. Lo sport vi rende più forti. Siamo in mezzo a dei campioni dello sport, che è un elemento formativo della vita. Il sudore dei vostri sacrifici vi renderà infatti degli uomini migliori. Da tempi duri come quelli passati usciranno donne e uomini più forti. Diciamo insieme ‘Keep Racism Out’”.

Anche Vittorio Bosio, il presidente Nazionale del Csi, associazione da oltre 75 anni in Italia al servizio dell’educazione dei giovani attraverso lo sport, ha espresso il suo parere al riguardo: “Non esasperate la ricerca della vittoria, a tutti i costi, ma godetevi la gioia dell’incontro e dello stare insieme. Divertitevi in questa esperienza romana che ricorderete per tutta la vita. E non dimenticatevi soprattutto di quei valori di cui si è fatto portatore quest’anno il torneo ossi la fratellanza, l’integrazione e l’accoglienza di tutti”.

L’incontro “Keep Racism Out” ha segnato, dunque, il traguardo ideale del percorso di sensibilizzazione sui temi messi in campo nel 2022 contro ogni tipologia di discriminazione. Non sono mancate testimonianze dirette dei protagonisti del mondo del calcio, racconti, storie, video, interventi di esperti sui temi educativi e sull’uso consapevole dei social network. Hanno infatti partecipato Carlo Mornati, Segretario generale del Coni, Bobo Vieri e Ciro Ferrara, in qualità di Ambassador della Lega Serie A, Paolo Costantini, Sponsorship Manager TIM, don Alessio Albertini, assistente ecclesiastico nazionale del Csi, Oumar Daffe, responsabile Ufficio Antirazzismo Lega Serie A, il Prof. Raffaele Mantegazza ordinario di Pedagogia alla Bicocca ed esperto di interculturalità, Costanza Andreini, Public Policy Manager di Meta, per un approfondimento sull’uso dei social network, in relazione all’hating in rete ed alle discriminazioni.

LA FINALE DEL TORNEO ALL’OLIMPICO

Le 8 squadre verranno sorteggiate in due gironi, da quattro formazioni ciascuno: la prima classificata di ogni girone accederà alla finale che assegnerà il trofeo finale del torneo. Le fasi di qualificazioni si giocheranno nella mattinata di domani, mercoledì 11 maggio, presso il Salaria Village a Settebagni. Per la finale da sogno, si apriranno invece i cancelli dello Stadio Olimpico. Alle ore 18.45 il fischio d’inizio della sfida conclusiva, 20 minuti decisivi al centro del manto erboso dello stadio romano, davanti al pubblico sugli spalti per la finale di Coppa Italia Frecciarossa Juventus-Inter. Tutti i ragazzi protagonisti della fase finale potranno assistere in tribuna allo spettacolo calcistico. Per i primi classificati è prevista una medaglia d’oro, oltre alla Coppa della “Junior TIM Cup – Keep Racism Out”, quest’anno più che mai piena di valori: inclusione, fratellanza e aggregazione, a rafforzare ancora di più un’alleanza tra lo sport di base e quello di vertice.

GLI ORATORI PROTAGONISTI DELLA FASE FINALE

1. Oratorio San Giuseppe – Milano
2. Oratorio Curno – Bergamo
3. Oratorio San Pietro Orseolo – Venezia
4. Oratorio S. Eusebio – Genova
5. Parrocchia San Giuseppe Lavoratore – Bologna
6. Oratorio S. Andrea Corsini – Firenze
7. Oratorio San Pietro Assemini – Cagliari
8. Oratorio Don Guanella – Napoli

La capitale ha ospitato un incontro di sensibilizzazione contro il razzismo e ogni forma di discriminazione, alla vigilia dell’ultimo atto della nona edizione del grande torneo oratoriale promosso da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano. Oggi le 8 squadre finaliste a Roma hanno incontrato al Coni rappresentanti e vertici della Lega Serie A e dello sport italiano per uno speciale “allenamento” sui temi dell’inclusione, dell’integrazione e della multiculturalità, nello sport e nella vita.

Roma, 10 maggio 2022 – Domani a Roma si disputa la finale della nona edizione della “Junior TIM Cup – Keep Racism Out”, il torneo giovanile di calcio a 7, promosso da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano, che continua ad alimentare i sogni dei ragazzi e a portare i valori del calcio oratoriale sotto i riflettori del grande calcio.

Prima di scendere in campo, le 8 squadre di oratorio hanno vissuto oggi pomeriggio una particolare seduta di rifinitura. Al Salone d’Onore del Coni si è infatti tenuto uno specialissimo allenamento sui valori posti alla base di questa edizione 2022 del torneo. Un impegno incessante a sostegno della campagna “Keep Racism Out”, messa in atto per garantire la parità di trattamento, la tutela dei diritti umani nel calcio e per tenere il razzismo fuori dagli stadi, sensibilizzando gli appassionati di calcio, sia nel mondo reale sia in quello virtuale, a combattere ogni forma di differenza o disuguaglianza. 

Dopo aver convolto i grandi campioni del massimo campionato di calcio protagonisti dello spot “Keep Racism Out”, oggi i Club della Lega Serie A erano presenti al Foro Italico, insieme ai vertici dello sport italiano e alle massime autorità del collaudato tridente Lega Serie A, TIM e CSI, per sensibilizzare i ragazzi delle 8 squadre finaliste.

È stato Luigi De Siervo, Amministratore Delegato della Lega Serie A, a spendere – a nome di tutti – parole profonde a favore di comportamenti sportivi, dentro e fuori dal campo di gioco: “Domani si disputa la partita dei record, la Coppa Italia che ha raccolto più successo negli ultimi anni. Voi qui rappresentate tutti i ragazzi che hanno sofferto chiusi in casa nei due anni appena trascorsi. Lo sport vi rende più forti. Siamo in mezzo a dei campioni dello sport, che è un elemento formativo della vita. Il sudore dei vostri sacrifici vi renderà infatti degli uomini migliori. Da tempi duri come quelli passati usciranno donne e uomini più forti. Diciamo insieme ‘Keep Racism Out’”.

Anche Vittorio Bosio, il presidente Nazionale del Csi, associazione da oltre 75 anni in Italia al servizio dell’educazione dei giovani attraverso lo sport, ha espresso il suo parere al riguardo: “Non esasperate la ricerca della vittoria, a tutti i costi, ma godetevi la gioia dell’incontro e dello stare insieme. Divertitevi in questa esperienza romana che ricorderete per tutta la vita. E non dimenticatevi soprattutto di quei valori di cui si è fatto portatore quest’anno il torneo ossi la fratellanza, l’integrazione e l’accoglienza di tutti”.

L’incontro “Keep Racism Out” ha segnato, dunque, il traguardo ideale del percorso di sensibilizzazione sui temi messi in campo nel 2022 contro ogni tipologia di discriminazione. Non sono mancate testimonianze dirette dei protagonisti del mondo del calcio, racconti, storie, video, interventi di esperti sui temi educativi e sull’uso consapevole dei social network. Hanno infatti partecipato Carlo Mornati, Segretario generale del Coni, Bobo Vieri e Ciro Ferrara, in qualità di Ambassador della Lega Serie A, Paolo Costantini, Sponsorship Manager TIM, don Alessio Albertini, assistente ecclesiastico nazionale del Csi, Oumar Daffe, responsabile Ufficio Antirazzismo Lega Serie A, il Prof. Raffaele Mantegazza ordinario di Pedagogia alla Bicocca ed esperto di interculturalità, Costanza Andreini, Public Policy Manager di Meta, per un approfondimento sull’uso dei social network, in relazione all’hating in rete ed alle discriminazioni.

LA FINALE DEL TORNEO ALL’OLIMPICO

Le 8 squadre verranno sorteggiate in due gironi, da quattro formazioni ciascuno: la prima classificata di ogni girone accederà alla finale che assegnerà il trofeo finale del torneo. Le fasi di qualificazioni si giocheranno nella mattinata di domani, mercoledì 11 maggio, presso il Salaria Village a Settebagni. Per la finale da sogno, si apriranno invece i cancelli dello Stadio Olimpico. Alle ore 18.45 il fischio d’inizio della sfida conclusiva, 20 minuti decisivi al centro del manto erboso dello stadio romano, davanti al pubblico sugli spalti per la finale di Coppa Italia Frecciarossa Juventus-Inter. Tutti i ragazzi protagonisti della fase finale potranno assistere in tribuna allo spettacolo calcistico. Per i primi classificati è prevista una medaglia d’oro, oltre alla Coppa della “Junior TIM Cup – Keep Racism Out”, quest’anno più che mai piena di valori: inclusione, fratellanza e aggregazione, a rafforzare ancora di più un’alleanza tra lo sport di base e quello di vertice.

GLI ORATORI PROTAGONISTI DELLA FASE FINALE

1. Oratorio San Giuseppe – Milano
2. Oratorio Curno – Bergamo
3. Oratorio San Pietro Orseolo – Venezia
4. Oratorio S. Eusebio – Genova
5. Parrocchia San Giuseppe Lavoratore – Bologna
6. Oratorio S. Andrea Corsini – Firenze
7. Oratorio San Pietro Assemini – Cagliari
8. Oratorio Don Guanella – Napoli

Leave a Reply

Your email address will not be published.