LIFETACKLE: SI E’ SVOLTA A ROMA LA CONFERENZA “ENVIRONMENTAL SUSTAINABILITY THROUGH PROFESSIONAL FOOTBALL”

Concluso allo Stadio Olimpico di Roma il progetto quadriennale della UE coordinato dalla Scuola Sant’Anna di Pisa. Presentata dalla FIGC la Carta sulla sostenibilità ambientale nel calcio.

Si è svolta oggi a Roma, nella cornice iconica dello Stadio Olimpico, “Environmental sustainability through professional football”, evento conclusivo del progetto europeo Life TACKLE, finalizzato a promuovere la sostenibilità ambientale nell’ambito dell’organizzazione di eventi calcistici. Il progetto Life TACKLE, finanziato dall’Unione Europea con un budget di € 1.947.000 attraverso il programma Life per l’ambiente e l’azione per il clima, ha preso il via nel settembre 2018 sotto il coordinamento scientifico dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.

Nel corso della conferenza sono stati presentati i risultati ottenuti in oltre tre anni di lavoro, gli obiettivi prefissati in termini di adeguamento delle governance e delle infrastrutture e sono state condivise le diverse esperienze condotte dalle federazioni calcistiche partner del progetto nei rispettivi Paesi: Italia (FIGC), Svezia (SvFF) e Romania (FRF).

La FIGC ha quindi presentato la “Carta sulla sostenibilità ambientale nel Calcio”, formulata in collaborazione con le componenti federali (Lega Serie A, Lega B, Lega Pro, LND, AIC e AIAC) e il supporto di Eni, Acqua Lete, Scuola Superiore Sant’Anna, Sport e Salute, CoRiPet. Il documento si propone di definire le linee guida funzionali ad una applicazione pratica dei principi di sostenibilità ambientale in termini di governance, gestione delle infrastrutture, gestione degli eventi, partnership e coinvolgimento di stakeholders e tifosi. Il documento, in corso di ulteriore sviluppo, verrà illustrato in dettaglio in una fase successiva.

Per la Lega Serie A ha partecipato all’incontro Andrea Butti, Head of Competitions, che ha illustrato le iniziative intraprese dalla stessa Lega in occasione dei propri eventi e dai Club di Serie A in materia di sostenibilità ambientale. Dal risparmio energetico alla raccolta differenziata allo stadio e nei centri sportivi, dalla mobilità sostenibile alla promozione di campagne dedicate alla tematica: Butti ha quindi evidenziato la necessità di rafforzare le attività a tutela dell’ambiente, sfruttando la straordinaria cassa di risonanza del mondo del calcio per sensibilizzare gli appassionati. 

Concluso allo Stadio Olimpico di Roma il progetto quadriennale della UE coordinato dalla Scuola Sant’Anna di Pisa. Presentata dalla FIGC la Carta sulla sostenibilità ambientale nel calcio.

Si è svolta oggi a Roma, nella cornice iconica dello Stadio Olimpico, “Environmental sustainability through professional football”, evento conclusivo del progetto europeo Life TACKLE, finalizzato a promuovere la sostenibilità ambientale nell’ambito dell’organizzazione di eventi calcistici. Il progetto Life TACKLE, finanziato dall’Unione Europea con un budget di € 1.947.000 attraverso il programma Life per l’ambiente e l’azione per il clima, ha preso il via nel settembre 2018 sotto il coordinamento scientifico dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.

Nel corso della conferenza sono stati presentati i risultati ottenuti in oltre tre anni di lavoro, gli obiettivi prefissati in termini di adeguamento delle governance e delle infrastrutture e sono state condivise le diverse esperienze condotte dalle federazioni calcistiche partner del progetto nei rispettivi Paesi: Italia (FIGC), Svezia (SvFF) e Romania (FRF).

La FIGC ha quindi presentato la “Carta sulla sostenibilità ambientale nel Calcio”, formulata in collaborazione con le componenti federali (Lega Serie A, Lega B, Lega Pro, LND, AIC e AIAC) e il supporto di Eni, Acqua Lete, Scuola Superiore Sant’Anna, Sport e Salute, CoRiPet. Il documento si propone di definire le linee guida funzionali ad una applicazione pratica dei principi di sostenibilità ambientale in termini di governance, gestione delle infrastrutture, gestione degli eventi, partnership e coinvolgimento di stakeholders e tifosi. Il documento, in corso di ulteriore sviluppo, verrà illustrato in dettaglio in una fase successiva.

Per la Lega Serie A ha partecipato all’incontro Andrea Butti, Head of Competitions, che ha illustrato le iniziative intraprese dalla stessa Lega in occasione dei propri eventi e dai Club di Serie A in materia di sostenibilità ambientale. Dal risparmio energetico alla raccolta differenziata allo stadio e nei centri sportivi, dalla mobilità sostenibile alla promozione di campagne dedicate alla tematica: Butti ha quindi evidenziato la necessità di rafforzare le attività a tutela dell’ambiente, sfruttando la straordinaria cassa di risonanza del mondo del calcio per sensibilizzare gli appassionati. 

Leave a Reply

Your email address will not be published.