MISTER ANDREAZZOLI ALLA VIGILIA DELLA SFIDA CONTRO L’INTER

Il tecnico azzurro Aurelio Andreazzoli ha parlato alla vigilia della sfida di Coppa Italia Frecciarossa di domani contro l’Inter:

“Sarà un banco di prova per la squadra e per le individualità che avranno voglia di farsi vedere, comprese quelle che sono state utilizzate meno fino a oggi. È una gara dove vogliamo ben figurare, per quanto possibile, contro un avversario che di cui è anche inutile parlare, per le risorse che ha, che fa un calcio splendido con grande partecipazione da parte di tutti gli interpreti. Cercheremo di fare la nostra parte per le nostre possibilità. Domani si può fare? Che sia difficile non importa ribadirlo, affrontiamo la squadra più forte della Serie A ma tutto si può fare e tutto può succedere. Lo vediamo in ogni turno di campionato, lo abbiamo visto ieri sera, con il calcio che è veramente fantastico perché lascia aperta ogni tipo di porta”.

“Le assenze? – ha aggiunto – Recuperiamo Marchizza rispetto a domenica ma come ho già avuto modo di dire questa partita arriva purtroppo in un momento un po’ particolare: ci sono stati periodi dove avevamo abbondanza e libertà di scelta e avremo potuto dar soddisfazione a tutti; ora siamo un po’ obbligati ma è chiaro che è un impegno importante che vogliamo onorare. Faremo i nostri ragionamenti in virtù della gara di domani e di quella di domenica prossima, cercando di salvaguardare le energie in virtù dello sforzo fatto e di quelli che ci attendono, sperando di non dover essere chiamati a dover far scelte obbligate. Stadio con 5000 tifosi? Credo che sia una penalizzazione per entrambe le squadre, perché è troppo bello giocare a San Siro quando il pubblico partecipa numeroso. È una spinta in positivo, non un timore, e credo che ormai i nostri ragazzi abbiano fatto le loro esperienza in stadi importanti”.

(Foto LaPresse)

www.empolifc.it

Il tecnico azzurro Aurelio Andreazzoli ha parlato alla vigilia della sfida di Coppa Italia Frecciarossa di domani contro l’Inter:

“Sarà un banco di prova per la squadra e per le individualità che avranno voglia di farsi vedere, comprese quelle che sono state utilizzate meno fino a oggi. È una gara dove vogliamo ben figurare, per quanto possibile, contro un avversario che di cui è anche inutile parlare, per le risorse che ha, che fa un calcio splendido con grande partecipazione da parte di tutti gli interpreti. Cercheremo di fare la nostra parte per le nostre possibilità. Domani si può fare? Che sia difficile non importa ribadirlo, affrontiamo la squadra più forte della Serie A ma tutto si può fare e tutto può succedere. Lo vediamo in ogni turno di campionato, lo abbiamo visto ieri sera, con il calcio che è veramente fantastico perché lascia aperta ogni tipo di porta”.

“Le assenze? – ha aggiunto – Recuperiamo Marchizza rispetto a domenica ma come ho già avuto modo di dire questa partita arriva purtroppo in un momento un po’ particolare: ci sono stati periodi dove avevamo abbondanza e libertà di scelta e avremo potuto dar soddisfazione a tutti; ora siamo un po’ obbligati ma è chiaro che è un impegno importante che vogliamo onorare. Faremo i nostri ragionamenti in virtù della gara di domani e di quella di domenica prossima, cercando di salvaguardare le energie in virtù dello sforzo fatto e di quelli che ci attendono, sperando di non dover essere chiamati a dover far scelte obbligate. Stadio con 5000 tifosi? Credo che sia una penalizzazione per entrambe le squadre, perché è troppo bello giocare a San Siro quando il pubblico partecipa numeroso. È una spinta in positivo, non un timore, e credo che ormai i nostri ragazzi abbiano fatto le loro esperienza in stadi importanti”.

(Foto LaPresse)

www.empolifc.it

Leave a Reply

Your email address will not be published.