PIOLI: “CONSAPEVOLI DELLA DIFFICOLTÀ DELLA PARTITA”

La grande notte di Napoli è alle spalle, e in casa rossonera lo sguardo è ora rivolto all’impegno di domani sera contro l’Empoli. Una sfida insidiosa, contro una squadra distintasi in questa stagione per il bel gioco e la capacità di raccogliere risultati importanti. Una partita, valida per la 29ª giornata di Serie A, che Mister Stefano Pioli ha presentato in conferenza stampa da Milanello:

ENTUSIASMO DEI TIFOSI
“La soddisfazione più bella è rendere i tifosi felici, quando ci riusciamo siamo contenti. La loro passione e il loro entusiasmo ci fanno bene e siamo orgogliosi di ritrovarli domani così numerosi e così caldi”.

LA REAZIONE DOPO NAPOLI
“Siamo soddisfatti della prestazione ma l’ultimo gradino è sempre la prossima partita, dobbiamo essere attaccati alla quotidianità e al presente, che ci aiuterà ad affrontare al meglio la sfida di domani. Ho visto una squadra concentrata che si è preparata bene”. 

L’EMPOLI DI ANDREAZZOLI
“L’Empoli è una squadra molto dinamica, tecnica, non è semplice andarli a prendere, dobbiamo lavorare con attenzione e lucidità. La squadra sa quali difficoltà incontrerà e sono convinto che arriveremo bene a questa sfida. Loro possono giocare in diversi modi, sono imprevedibili, amano gli inserimenti dei centrocampisti, sono partiti con l’obiettivo di salvarsi e sono molto vicini all’obiettivo, Andreazzoli merita i complimenti per il lavoro fatto. All’andata ci hanno creato molto difficoltà”. 

IL RENDIMENTO
“Ogni singola partita è diversa dalle altre, dobbiamo giocare con continuità e come sappiamo, con ritmo, per far emergere le nostre qualità. A me l’Empoli fa paura, abbiamo rivisto la partita d’andata e sappiamo che servirà dare il massimo. I giocatori sanno quanto sia importante in questo momento la partita di domani, le esperienze del passato ci hanno insegnato qualcosa. Le partite vanno vinte, vanno lottate, vanno sofferte, noi dobbiamo essere umili”. 

LA VOLATA SCUDETTO
“Non pensiamo alle altre, saranno 10 partite tirate e difficili in cui le prime cinque cercheranno di fare più punti possibili. Noi dobbiamo continuare a concentrarci di partita in partita. Difficile fare previsioni, è stato un campionato particolare perché nessuno è riuscito ad allungare, continuo a pensare che le prime cinque siano molto forti e in grado di fare una striscia di vittorie consecutive. Bisogna mantenere un livello sempre molto alto perché il campionato è difficile”. 

IL PESO PSICOLOGICO DELLA CLASSIFICA
“Io vedo una squadra determinata, convinta e con la serenità necessaria per affrontare il finale di campionato”. 

LA TENUTA FISICA
“Quando abbiamo giocato tanto la settimana si passava a recuperare energie, ora la nostra è una settimana regolare e possiamo concentrarci sul nostro metodo di lavoro e sulle varie situazioni individuali”. 

GIROUD, IBRA E TONALI
“Di Olivier mi piace tutto, come gioca, come lavora con e senza palla per la squadra, è un professionista fantastico, determinato e sereno, è un piacere lavorare con lui. Zlatan dà tutto e dà tanto alla squadra, in ogni cosa che fa, per carisma e personalità. Lui sa quando riempire l’area, quando abbassarsi, la sua presenza è importante, sta meglio e ci darà un supporto. Tonali sta bene come stanno bene Kessie, Bennacer e Díaz, giochiamo in 11 ma è importante avere caratteristiche diverse in panchina. Abbiamo giocatori giusti per iniziare la partita e altri giusti per subentrare”. 

IL RITORNO DI ROMAGNOLI E L’ASSENZA DI THEO
“Tra lui e Kalulu la scelta è solo tecnica, Alessio è stato fermo una settimana dopo il Derby ma sta bene, chi comincerà lo vedremo domani. A me Florenzi a sinistra con la Samp è piaciuto molto, tra Davide e Alessandro preferisco quest’ultimo a sinistra, ma vedremo domani. Florenzi ha personalità, è una presenza importante per noi”. 

PIOLI E IL MILAN
“Questo ambiente mi ha dato entusiasmo nell’approcciarmi al mio lavoro e ai giocatori, la squadra deve vivere di emozioni per poi giocare in un certo modo. Abbiamo bisogno di sentire dentro qualcosa”.

(Foto LaPresse)

www.acmilan.com

La grande notte di Napoli è alle spalle, e in casa rossonera lo sguardo è ora rivolto all’impegno di domani sera contro l’Empoli. Una sfida insidiosa, contro una squadra distintasi in questa stagione per il bel gioco e la capacità di raccogliere risultati importanti. Una partita, valida per la 29ª giornata di Serie A, che Mister Stefano Pioli ha presentato in conferenza stampa da Milanello:

ENTUSIASMO DEI TIFOSI
“La soddisfazione più bella è rendere i tifosi felici, quando ci riusciamo siamo contenti. La loro passione e il loro entusiasmo ci fanno bene e siamo orgogliosi di ritrovarli domani così numerosi e così caldi”.

LA REAZIONE DOPO NAPOLI
“Siamo soddisfatti della prestazione ma l’ultimo gradino è sempre la prossima partita, dobbiamo essere attaccati alla quotidianità e al presente, che ci aiuterà ad affrontare al meglio la sfida di domani. Ho visto una squadra concentrata che si è preparata bene”. 

L’EMPOLI DI ANDREAZZOLI
“L’Empoli è una squadra molto dinamica, tecnica, non è semplice andarli a prendere, dobbiamo lavorare con attenzione e lucidità. La squadra sa quali difficoltà incontrerà e sono convinto che arriveremo bene a questa sfida. Loro possono giocare in diversi modi, sono imprevedibili, amano gli inserimenti dei centrocampisti, sono partiti con l’obiettivo di salvarsi e sono molto vicini all’obiettivo, Andreazzoli merita i complimenti per il lavoro fatto. All’andata ci hanno creato molto difficoltà”. 

IL RENDIMENTO
“Ogni singola partita è diversa dalle altre, dobbiamo giocare con continuità e come sappiamo, con ritmo, per far emergere le nostre qualità. A me l’Empoli fa paura, abbiamo rivisto la partita d’andata e sappiamo che servirà dare il massimo. I giocatori sanno quanto sia importante in questo momento la partita di domani, le esperienze del passato ci hanno insegnato qualcosa. Le partite vanno vinte, vanno lottate, vanno sofferte, noi dobbiamo essere umili”. 

LA VOLATA SCUDETTO
“Non pensiamo alle altre, saranno 10 partite tirate e difficili in cui le prime cinque cercheranno di fare più punti possibili. Noi dobbiamo continuare a concentrarci di partita in partita. Difficile fare previsioni, è stato un campionato particolare perché nessuno è riuscito ad allungare, continuo a pensare che le prime cinque siano molto forti e in grado di fare una striscia di vittorie consecutive. Bisogna mantenere un livello sempre molto alto perché il campionato è difficile”. 

IL PESO PSICOLOGICO DELLA CLASSIFICA
“Io vedo una squadra determinata, convinta e con la serenità necessaria per affrontare il finale di campionato”. 

LA TENUTA FISICA
“Quando abbiamo giocato tanto la settimana si passava a recuperare energie, ora la nostra è una settimana regolare e possiamo concentrarci sul nostro metodo di lavoro e sulle varie situazioni individuali”. 

GIROUD, IBRA E TONALI
“Di Olivier mi piace tutto, come gioca, come lavora con e senza palla per la squadra, è un professionista fantastico, determinato e sereno, è un piacere lavorare con lui. Zlatan dà tutto e dà tanto alla squadra, in ogni cosa che fa, per carisma e personalità. Lui sa quando riempire l’area, quando abbassarsi, la sua presenza è importante, sta meglio e ci darà un supporto. Tonali sta bene come stanno bene Kessie, Bennacer e Díaz, giochiamo in 11 ma è importante avere caratteristiche diverse in panchina. Abbiamo giocatori giusti per iniziare la partita e altri giusti per subentrare”. 

IL RITORNO DI ROMAGNOLI E L’ASSENZA DI THEO
“Tra lui e Kalulu la scelta è solo tecnica, Alessio è stato fermo una settimana dopo il Derby ma sta bene, chi comincerà lo vedremo domani. A me Florenzi a sinistra con la Samp è piaciuto molto, tra Davide e Alessandro preferisco quest’ultimo a sinistra, ma vedremo domani. Florenzi ha personalità, è una presenza importante per noi”. 

PIOLI E IL MILAN
“Questo ambiente mi ha dato entusiasmo nell’approcciarmi al mio lavoro e ai giocatori, la squadra deve vivere di emozioni per poi giocare in un certo modo. Abbiamo bisogno di sentire dentro qualcosa”.

(Foto LaPresse)

www.acmilan.com

Leave a Reply

Your email address will not be published.