NOTA EUROPEAN LEAGUES

Il Board delle Leghe Europee si è riunito nel pomeriggio di giovedì 12 maggio per discutere delle decisioni annunciate questa settimana relative alle Competizioni UEFA per Club (UCC) dopo il 2024.

Le Leghe Europee accolgono con favore il significativo impegno e gli sforzi della UEFA per affrontare nelle sue decisioni le principali preoccupazioni dei Campionati, abbandonando il percorso di accesso alle UCC tramite il coefficiente del Club e incrementando il numero di partite della fase a gironi per la nuova UEFA Champions League di sole due giornate, invece delle quattro proposte.

Le Leghe Europee analizzeranno ora i dettagli di questi storici cambiamenti relativi alle Competizioni UEFA per Club, dopo quasi tre decenni in cui è stato mantenuto lo stesso sistema competitivo. Le Leghe si concentreranno in particolare sull’impatto che queste decisioni avranno sulla programmazione delle partite dei Campionati nazionali e delle UCC dopo il 2024.

Le Leghe continueranno a lavorare in modo costruttivo con la UEFA e tutti gli stakeholders per garantire un equilibrio tra competizioni europee e Campionati nazionali che possa aiutare a crescere il sistema calcio a tutti i livelli.

In questo contesto, le imminenti discussioni e negoziazioni per implementare un modello più equo di distribuzione delle entrate delle UCC dopo il 2024 saranno fondamentali per garantire la sostenibilità finanziaria a lungo termine dei Club di calcio professionistici e dei calciatori e preservare il sogno di tutti i tifosi in Europa di vedere il loro Club ottenere un successo sportivo.

Il Board delle Leghe Europee si è riunito nel pomeriggio di giovedì 12 maggio per discutere delle decisioni annunciate questa settimana relative alle Competizioni UEFA per Club (UCC) dopo il 2024.

Le Leghe Europee accolgono con favore il significativo impegno e gli sforzi della UEFA per affrontare nelle sue decisioni le principali preoccupazioni dei Campionati, abbandonando il percorso di accesso alle UCC tramite il coefficiente del Club e incrementando il numero di partite della fase a gironi per la nuova UEFA Champions League di sole due giornate, invece delle quattro proposte.

Le Leghe Europee analizzeranno ora i dettagli di questi storici cambiamenti relativi alle Competizioni UEFA per Club, dopo quasi tre decenni in cui è stato mantenuto lo stesso sistema competitivo. Le Leghe si concentreranno in particolare sull’impatto che queste decisioni avranno sulla programmazione delle partite dei Campionati nazionali e delle UCC dopo il 2024.

Le Leghe continueranno a lavorare in modo costruttivo con la UEFA e tutti gli stakeholders per garantire un equilibrio tra competizioni europee e Campionati nazionali che possa aiutare a crescere il sistema calcio a tutti i livelli.

In questo contesto, le imminenti discussioni e negoziazioni per implementare un modello più equo di distribuzione delle entrate delle UCC dopo il 2024 saranno fondamentali per garantire la sostenibilità finanziaria a lungo termine dei Club di calcio professionistici e dei calciatori e preservare il sogno di tutti i tifosi in Europa di vedere il loro Club ottenere un successo sportivo.

Leave a Reply

Your email address will not be published.