PIOLI: “TRE PUNTI PER RIMETTERCI IN CARREGGIATA”

L’ultima occasione per chiudere il 2021 e il girone d’andata con un acuto: a Empoli i rossoneri tornano in campo domani alle 20.45 per cercare una vittoria importante e liberatoria. Alla vigilia, come di consueto, Mister Pioli ha parlato in conferenza stampa:

GLI AVVERSARI
“L’Empoli ha vinto con la Juventus, con il Napoli, ha pareggiato con la Fiorentina. Sono molto dinamici, si muovono tanto, e sono l’unica squadra che gioca con un rombo in mezzo al campo. Ci vorrà grande attenzione e determinazione contro una squadra vivace, rapida e ben allenata che potrà crearci delle difficoltà. Abbiamo le caratteristiche giuste per fare bene, dipenderà da noi”.

IL RITORNO DI THEO
“Stiamo mancando un po’ nella fluidità di manovra e negli ultimi 30 metri, dove la qualità può fare la differenza. Hernández quest’anno è diventato più attento e ordinato in fase difensiva, è un giocatore più completo. Al di là dei gol segnati ci dà tanto anche in attacco; sta meglio, ha passato dei giorni difficili ma mi auguro che domani possa essere nelle condizioni ideali”.

IL MOMENTO ROSSONERO
“Credo che sia anche giusto, quando non arrivano i risultati che vogliamo, essere meno sereni di quando le cose va bene. Vogliamo riprendere il nostro cammino, domani i tre punti sarebbero molto importanti per rimetterci in carreggiata. Ho un’esperienza tale da capire che in questo ambiente non ci sono mezze misure, e che i risultati condizionano i giudizi. Domenica secondo me la squadra ha fatto una buona gara, rischiando poco. Abbiamo commesso degli errori, nell’ultimo periodo, che non ci hanno permesso di ottenere i risultati che avremmo voluto”.

I SINGOLI
“Leão sta meglio e sta recuperando, sarà pronto per la ripresa contro la Roma. Domani non ci sarà Ibrahimović per un sovraccarico al ginocchio. Romagnoli sta bene mentalmente e fisicamente, è un giocatore forte che ha tutte le caratteristiche per essere importante in questo Milan. Messias in questo momento sul binario laterale sta affrontando tanto l’uno contro uno e domenica lì ci ha dato tanto”.

VERSO L’ANNO NUOVO
“Gli infortuni non hanno soltanto una causa. Abbiamo alzato il livello di prevenzione e recupero da parte dei giocatori, a novembre abbiamo avuto tanti infortuni muscolari ed è qualcosa che alla lunga puoi pagare. È un problema che stiamo superando e dopo la sosta di Natale andrà sicuramente meglio. Dobbiamo restare concentrati sulla partita di domani, molto importante per la nostra classifica, per finire bene l’anno e preparare al meglio la ripresa”.

TRA CLASSIFICA E MERCATO
“Credo che il livello del campionato sia molto alto e che ci siano diverse squadre – tra cui noi – in grado di fare anche 7, 8 o 10 vittorie consecutive. Mi auguro che nel 2022 ci sia la salute dei miei giocatori e la possibilità di giocare con continuità il nostro calcio, ma anche di combattere e vincere la partita di domani. Mercato? I dirigenti hanno dimostrato sempre grande attenzione al mercato invernale. Il mio primo anno sono arrivati Ibra, Kjær e Saelemaekers; lo scorso gennaio Tomori, Meïte e Mandžukić: se potremo migliorare la rosa lo faremo”.

(Foto LaPresse)

www.acmilan.com

L’ultima occasione per chiudere il 2021 e il girone d’andata con un acuto: a Empoli i rossoneri tornano in campo domani alle 20.45 per cercare una vittoria importante e liberatoria. Alla vigilia, come di consueto, Mister Pioli ha parlato in conferenza stampa:

GLI AVVERSARI
“L’Empoli ha vinto con la Juventus, con il Napoli, ha pareggiato con la Fiorentina. Sono molto dinamici, si muovono tanto, e sono l’unica squadra che gioca con un rombo in mezzo al campo. Ci vorrà grande attenzione e determinazione contro una squadra vivace, rapida e ben allenata che potrà crearci delle difficoltà. Abbiamo le caratteristiche giuste per fare bene, dipenderà da noi”.

IL RITORNO DI THEO
“Stiamo mancando un po’ nella fluidità di manovra e negli ultimi 30 metri, dove la qualità può fare la differenza. Hernández quest’anno è diventato più attento e ordinato in fase difensiva, è un giocatore più completo. Al di là dei gol segnati ci dà tanto anche in attacco; sta meglio, ha passato dei giorni difficili ma mi auguro che domani possa essere nelle condizioni ideali”.

IL MOMENTO ROSSONERO
“Credo che sia anche giusto, quando non arrivano i risultati che vogliamo, essere meno sereni di quando le cose va bene. Vogliamo riprendere il nostro cammino, domani i tre punti sarebbero molto importanti per rimetterci in carreggiata. Ho un’esperienza tale da capire che in questo ambiente non ci sono mezze misure, e che i risultati condizionano i giudizi. Domenica secondo me la squadra ha fatto una buona gara, rischiando poco. Abbiamo commesso degli errori, nell’ultimo periodo, che non ci hanno permesso di ottenere i risultati che avremmo voluto”.

I SINGOLI
“Leão sta meglio e sta recuperando, sarà pronto per la ripresa contro la Roma. Domani non ci sarà Ibrahimović per un sovraccarico al ginocchio. Romagnoli sta bene mentalmente e fisicamente, è un giocatore forte che ha tutte le caratteristiche per essere importante in questo Milan. Messias in questo momento sul binario laterale sta affrontando tanto l’uno contro uno e domenica lì ci ha dato tanto”.

VERSO L’ANNO NUOVO
“Gli infortuni non hanno soltanto una causa. Abbiamo alzato il livello di prevenzione e recupero da parte dei giocatori, a novembre abbiamo avuto tanti infortuni muscolari ed è qualcosa che alla lunga puoi pagare. È un problema che stiamo superando e dopo la sosta di Natale andrà sicuramente meglio. Dobbiamo restare concentrati sulla partita di domani, molto importante per la nostra classifica, per finire bene l’anno e preparare al meglio la ripresa”.

TRA CLASSIFICA E MERCATO
“Credo che il livello del campionato sia molto alto e che ci siano diverse squadre – tra cui noi – in grado di fare anche 7, 8 o 10 vittorie consecutive. Mi auguro che nel 2022 ci sia la salute dei miei giocatori e la possibilità di giocare con continuità il nostro calcio, ma anche di combattere e vincere la partita di domani. Mercato? I dirigenti hanno dimostrato sempre grande attenzione al mercato invernale. Il mio primo anno sono arrivati Ibra, Kjær e Saelemaekers; lo scorso gennaio Tomori, Meïte e Mandžukić: se potremo migliorare la rosa lo faremo”.

(Foto LaPresse)

www.acmilan.com

Leave a Reply

Your email address will not be published.